C_ART_A

by Gianluca Marziani

artist Danilo Bucchi

1.1

Example static alt text

In order to preserve the singularity of this unique collaboration between the artist and Grey, the original text was left untranslated, like a catholic prayer in latin. It concerns the work of DANILO BUCCHI and its relationship to the white paper—the same white paper grey is made of—and the universal round body which inhabits caves and monitors.

Example static alt text

C_uore

Esiste, qui e ora, una matrice condivisibile che definisce geografie omogenee e storie combacianti: è la CARTA, limbo scenico di un’idea in comune, cuore di un progetto editoriale che si trasforma in oggetto animato. Un artista e una rivista declinano qui la loro foliazione ideale, “vestendo” la metafisica del bianco tramite l’epilogo figurativo del corpo universale. 

L’immaginazione diventa impaginazione

Example static alt text

ART_e

Carta non canta ma suona, distillando haiku sonori che originano idealmente dal sottile segno nero di DANILO BUCCHI, da una fluida essenzialità del gesto tra automatismo e metodo, scatto e persistenza, impatto e germinazione. La carta: superficie di origine e mutamento per un artista che fa combaciare disegno e pittura, ricreando l’intensità della tela nella biologia della cellulosa.
La carta: superficie congenita per un magazine che impagina abitazioni mentali dentro il vestire, distillando dialoghi lungo le protesi indossabili del sistema Moda. 

Bucchi esprime la circolarità del corpo attraverso l’espressione continua del segno, vestendo il foglio come se le sue figure fossero abiti che aderiscono a misura di vuoto. L’artista fende quel bianco con azioni diaristiche sullo scheletro impaginabile, anticipando le meccaniche del design indossabile, quando i volumi rilasciano bellezza attraverso complessi sistemi comunicativi.   

La moda come habitus. L’arte come habitat
Azioni adiacenti. Congiunzioni di un dialogo 

Example static alt text

A_rmonia

L’incontro tra Bucchi e Grey si sostanzia in un’attitudine sartoriale, dove l’autonomia artistica si armonizza al progetto editoriale, lungo sintonie che vestono le pagine con l’impressione rapida del corpo, l’emozione della silhouette immaginifica, l’evidenza segnica di un’oscillazione liquida. Bucchi fonde assieme i graffiti di Lascaux e la sintesi elettronica, metabolizzando caverne e monitor lungo l’eterno futuribile del foglio monocromo. Il primitivismo del tratto alchemico incontra lo spirito del digitale, narrando piccole profezie intime, empatie dei sensi, connessioni emotive, vertigini relazionali. La manualità non è mai stata così essenziale e “tecnologica”. 

Il segno di Bucchi crea filamenti connettivi tra il foglio e lo sguardo…

More from GREY

One of the many Epilogs: A Farmer in the City
Ming Xi
Chai
No. 21 F/W 2013-2014